peperonity Mobile Community
Welcome, guest. You are not logged in.
Log in or join for free!
 
Stay logged in
Forgot login details?

Login
Stay logged in

For free!
Get started!

*D 12* | d12eminem


*D 12*
..DiRTY DOZEN
Newest pictures
back to: http://shadylady.peperonity.com


Quella sporca dozzina del rap game.
Dirty Dozen è il nome della posse di rapper - Proof, Denaun, Bizzarre, Kuniva e Switfy - cresciuti di pari passo col biondo di Detroit. Le loro storie sono legate a doppio filo fin dagli anni ´90, quando i 6 membri e i loro rispettivi alter ego (da cui la dozzina del nome) si legano in maniera indissolubile con un tatuaggio e un patto di sangue. Il sesto uomo della Dirty Dozen è infatti proprio lui, Eminem aka Slim Shady, colui che anni dopo svelerà i termini del patto:´Chiunque finisce sotto contratto, torna indietro a prendere gli altri´. E cosi effettivamente è stato quando Eminem ha fatto entrare i suoi fratelli nel ´The Marshall Mathers LP´.
I sei si conoscono nel 1994 all’Hip Hop Shop di Detroit, una rivendita di dischi alla quale accorrono MC e aspiranti tali nella speranza di lasciare il segno con un paio di strofe durante le Saturday Open.Mic Sessions organizzate dal gestore. In quel periodo la fama del ragazzo bianco che rappa come e meglio dei neri giunge alle orecchie di uno degli altri cinque, il già noto MC Proof. I due entrano subito in sintonia, stabilendo un rapporto basato sul rispetto reciproco. ´Pronunciammo contemporaneamente la stessa batutta in un codice che sarebbe risultato oscuro a qualsiasi esterno´, rammenta Proof di Marshall Mathers. ´Fu allora che capii quanto fosse preparato come MC´.
I componenti dei D12 si affermano dapprima individualmente sulla scena hip-hop underground locale: il veterano Proof con un singolo indie, ´Searchin´ (con lato B ´Anywhere´) nel 1995; due anni dopo Bizzarre pubblica, da indipendente, l´EP d’esordio ´Attack Of The Weirdos´; Swifty si fa conoscere come componente del duo Rabeez, sotto contratto con la BMG/Mecca Don Records. Ma solo quando uniscono le forze con Slim Shady e danno vita ai D12 riescono a fare il salto di qualità diventando – come si definiscono loro – ´i più cattivi sulla scena´.
Il loro esordio si concretizza sul finire del 2000 con un singolo dal titolo significativo - ´Shit On You´, pubblicato per la Interscope e prodotto da DJ Head – che ottiene un discreto successo grazie anche alla presenza di un Eminem ispirato e già lanciato alla conquista delle charts americane. Nello stesso periodo tutti i componenti ricevono una specie di consacrazione ufficiale prendendo parte al brano ´Under The Influence´ del ´The Marshall Mathers LP´ di Eminem, che tiene fede alle vecchie promesse.
Qualche mese dopo esce il loro primo album completo, ´Devil’s Night´, titolo che richiama la notte di Halloween, durante la quale la gioventù della città si riversa per le strade come un’orda barbarica. I contenuti dell´album si confermano dello stesso tenore della hit d´esordio: testi molto espliciti, oltraggiosi, carichi d´odio, sesso, atti maniacali e violenza, pieni di riferimenti alle armi da fuoco e all´uso di droghe, come ad esempio nel singolo ´Purple Pills´ (censurato in ´Purple Hills´) con le pastiglie di ecstasy.
Sul disco – sequel ideale dello scandaloso ´Slim Shady LP´ - grava il giudizio severo dell´opinione pubblica, sebbene mitigato dalle critiche favorevoli per l´ottimo lavoro musicale svolto da Eminem in veste di producer, già allievo fedele alla corte di Dr. Dre, il maestro assoluto dei beat.
Nel 2002 il quintetto entra a far parte dell´album più importante dell´anno, il milionario ´The Eminem Show´, con l´incalzante ´When The Music Stops´, si ritagliano uno spazio importante nella soundtrack del film 8 Mile (con il brano ´Rap Game´) e l´anno seguente cominciano a lavorare seriamente al secondo album, ´D12 World´, che vede finalmente la luce nel mese di aprile del 2004.


This page:




Help/FAQ | Terms | Imprint
Home People Pictures Videos Sites Blogs Chat
Top