peperonity Mobile Community
Welcome, guest. You are not logged in.
Log in or join for free!
 
Stay logged in
Forgot login details?

Login
Stay logged in

For free!
Get started!

[[[_* J. COLTRANE *_]]] | jazzstory


[[[_* J. COLTRANE *_]]]
Coltrane nacque ad Hamlet, nel North Carolina, unico figlio di John Robert Coltane, sarto di professione ma musicista per passione (suona l?ukulele e il violino), e di Alice Blair, figlia di un predicatore metodista. Questi vive con la moglie ad High Point: qui svolge la propria attività, coronata da una vasta popolarità, e qui la famiglia Coltrane si trasferisce due mesi dopo la nascita del futuro sassofonista.
Ad High Point il piccolo John trascorre l?infanzia, insieme alla cugina Mary, la cui famiglia era andata ad abitare, a causa della crisi economica del 1929, nella stessa casa dei Coltrane.
Mary, più piccola di John di poco meno di un anno, in seguito fondatrice e animatrice della John W. Coltrane Cultural Society, racconterà di quegli anni che "John era in sostanza un bravo bambino, ma era dispettoso, con un caustico senso dell?umorismo. Era comunque un bambino tranquillo, riflessivo ed introverso". Tratti che in età adulta non sarebbero cambiati, unitamente alla caparbietà di non far trasparire ogni sofferenza, fisica o interiore che fosse.
Coltrane ebbe un infanzia serena: a turbarla, quando aveva dodici anni, fu la prematura ed improvvisa scomparsa del padre, seguita a breve da altri dolorosi lutti familiari come la morte della nonna materna e dello zio, il padre di Mary.
La passione per la musica inizia presto: durante le funzioni officiate dal nonno, mamma Alice canta nel coro della chiesa; anche John vorrebbe unirsi al coro ma è stonato e perciò viene scartato. Va meglio con la locale banda dei boy scout, nella quale entra a tredici anni. In un primo tempo vi suona il flicorno contralto, successivamente il clarinetto, con il quale ottiene ottimi risultati. Al liceo, invaghito dalle scoperta di Johnny Hodges, uno dei solisti di punta dell?orchestra di Duke Ellington, comincia a suonare il sax contralto, che alterna al clarinetto.
Nel 1943, dopo aver conseguito il diploma al liceo, Coltrane abbandona High Point per Philadelphia, in Pennsylvania, alla ricerca di un lavoro. Anche Mary se ne va, prima a Newark, nel New Jersey, e quindi anche lei a Philadelphia, dividendo nuovamente l?abitazione con il cugino.
Nella nuova città Coltrane si iscrive alla Ornstein School Of Music, dove studia sassofono e armonia. Nel 1945 arriva la chiamata sotto le armi: viene arruolato come clarinettista nella banda della marina, di stanza nelle Hawaii. Al ritorno a Philadelphia, a guerra finita, riprende il sax alto e trova i primi ingaggi.
In questo periodo Coltrane è profondamente influenzato dalla musica di Charlie Parker; egli condivide questa passione con altri sassofonisti di Philadelphia, tra cui i suoi amici Benny Golson e Bill Barron. Anche Jonny Coles, Cal Massey e Philly Joe Jones (che in seguito lo introdurrà nel quintetto di Miles Davis), entrano in questa cerchia di amicizie. Ma la musica del dopoguerra non significa solo be bop: incalza anche il rhythm and blues e Coltrane ne riamane attratto. Questa musica diviene per lui un?autentica palestra, sia sotto il profilo strumentale che professionale. Passa così al sax tenore, suonando dapprima nei gruppi di Joe Webb, poi in quello del più titolato Eddie «Cleanhead» Vinson, con il quale rimane fino al 1948, anno in cui milita anche nell?orchestra che si esibisce regolarmente all?Apollo Theatre di Harlem. Di nuovo a Philadelphia, si unisce ai fratelli Heath e suona ancora con Cal Massey. Un trombettista di passaggio in città lo nota e lo scrittura: è Howard McGhee. Ma l?esperienza dura poco: tenere in vita un?orchestra è oneroso, l?organico viene perciò ridotto e Coltrane rimandato a casa.
Dopo un periodo di forzata inattività, alla fine del 1949, il sassofonista entra in un?altra orchestra, quella di Dizzy Gillespie, dove suona il sax alto; ma il suo ruolo è ancora marginale. Nel 1951 Gillespie scioglie l?orchestra per fondare un meno dispendioso settetto: stavolta Coltrane non perde il posto e riprende in mano il tenore, alternandolo al contralto dopo la dipartita dal gruppo di Jimmy Heath e la conseguente riduzione dell?organico. Con il sestetto di Gillespie (completato nella circostanza da Milt Jackson al vibrafono, Kenny Burrel alla chitarra, Percy Heath al contrabbasso e Kansas Fields alla batteria), Coltrane entra in sala di registrazione, a Detroit, il 1 marzo 1951, lasciando le prime tracce significative (almeno sul piano storiografico) di un solismo al momento tutt?altro che maturo ma avviato sulla buona strada. Terminata la collaborazione con Gillespie, Coltrane fa ancora ritorno a Philadelphia dove, per questioni di mera sopravvivenza, riprende a suonare rhythm and blues. Nel 1952 entra, quindi, nel gruppo di uno dei sassofonisti che in quegli anni riscuote molto successo nel circuito delle musiche nere, Earl Bostic: strumentista esperto e abile uomo di spettacolo. Nel 1953 il sassofonista accusa problemi di tossicodipendenza. Già da un po? di tempo Coltrane fa uso di alcolici, ma non sono ben chiari i motivi per cui egli diviene un consumatore di eroina. Probabilmente è preso da un senso di frustrazione: vuole andare avanti, progredire a tutti i costi come musicista, sa di potercela fare, ma forse il suo carattere gli è da freno. Ed è proprio a causa della droga che il vecchio idolo Jonny Hodges, che chiama Coltrane nel suo gruppo costituito dopo aver lasciato l?orchestra di Duke Ellington, licenzia il sassofonista. La stessa cosa sarebbe accaduta qualche tempo dopo con Miles Davis. Tempi bui, dunque, per Coltrane, tornato ancora, per necessità, al rhythm and blues. La luce si sarebbe però presto materializzata in Juanita Grubbs, di fede musulmana, e, per questo motivo, ribattezzata Naima. Una donna dolce, dai molti interessi artistici e spirituali, che ha un?influenza benefica su Coltrane: si sposeranno il 3 Ottobre 1955. Sempre nell?autunno dello stesso anno, prende avvio la fortunata collaborazione con Miles Davis, già incontrato, occasionalmente, anni prima. Coltrane, che nel frattempo comincia a essere conosciuto con il soprannome di Trane, per la rapidità e la forza del suo fraseggio, entra nel quintetto del coetaneo Miles Davis, prendendo il posto inizialmente assegnato a Sonny Rollins, come meglio spiegato di seguito.


This page:




Help/FAQ | Terms | Imprint
Home People Pictures Videos Sites Blogs Chat
Top